Autore: Mauro Banchini

Informazioni biografiche a questo link

Dare 500 euro a tutti ma proprio tutti i diciottenni (figli di papà compresi) e pensare che questo sia di aiuto contro il fanatismo e contro il terrorismo, mi pare una sciocchezza colossale. E, oltre che un contributo alla demagogia populistica, anche un evidente spreco di denaro pubblico.

Read More

Non sarebbe male tornare ai fondamentali. Ricapitolando: in una istituzione pubblica il capo ufficio stampa dovrebbe essere un giornalista nei ruoli di quella istituzione; dovrebbe cioè essere un dipendente pubblico, un professionista che serve non il politico ma l’istituzione e, dunque, in grado di servirla a prescindere dal colore politico di chi, momentaneamente, la presiede e della sua maggioranza; dovrebbe, in altri termini, arrivarci con pubblico concorso e non in base a scelte di carattere fiduciario. Queste, invece e sempre in base alla legge, sono alla base di altri tipi di nomine, dette appunto “fiduciarie”: il portavoce (che può anche…

Read More

Leggo che un benefattore, volendo restare anonimo (e questo va davvero a suo onore), ieri in diretta tv (“Domenica in”), si è detto pronto a risarcire, con suoi denari, un pensionato di Vitolini (Vinci) che con Banca Etruria ci ha rimesso tutti i suoi risparmi (10 mila euro). Notizia dolce, specie nel clima giubilar/natalizio, ma – posso dirlo? – anche amara: specie per chi si ostina a credere che, in una democrazia, la beneficenza non può sostituire la giustizia.

Read More

Leggo che sul tetto dell’ospedale di Pistoia (concesso dalla ASL in … comodato gratuito alle grandi compagnie telefoniche. Prego sottolineare: comodato gratuito !?!?!) saranno presto piazzate antenne per la telefonia mobile. Sulla pericolosità, per la nostra salute, di tali strutture (dietro alle quali non si nasconde solo la nostra comodità di poter telefonare ma anche il fortissimo interesse economico delle compagnie), il dibattito scientifico non mi pare abbia raggiunto conclusioni unanimemente accettate: nella incertezza non dovrebbe dunque valere, specie per una azienda “sanitaria”, il principio di precauzione? Può un’azienda “sanitaria” – senza oltretutto neppure la scusa di ricavarci un po’…

Read More

Sono curioso di capire come farà Cantone, nell’ambito delle persone detentrici di obbligazioni derivate, a distinguere in modo oggettivo e non contestabile chi è stato davvero truffato da chi quell’investimento (andato poi male) lo ha fatto in modo consapevole. Aspetto delicatissimo: i primi (gli ingannati) andranno risarciti ma i secondi non potranno esserlo. E se risarcimenti dovessero essere stanziati anche per i secondi si andrebbe a creare un precedente di non poco conto … Questione diversa, poi, sul chi deve materialmente tirar fuori i soldi per i risarcimenti a chi ne abbia diritto: deve pensarci lo Stato o (come io…

Read More

Da molti anni socio di una BCC ma, soprattutto, sincero estimatore di questa famiglia bancaria che mi pare sostanzialmente la migliore (perché ancora cooperativa, perché da sempre legata alle comunità locali, perché facente parte di un sistema tutto sommato – con luci e ombre – bene governato), sto assistendo con non poco timore alle ipotesi di riforma. Non vorrei che il credito cooperativo venisse portato a omologarsi, in modo pressoché totale, al peggio di un sistema bancario sempre più distante dalle persone. Modernizzare e razionalizzare è giusto, ma attenti alla vecchia lezione del bambino e dell’acqua sporca …

Read More

“Sono 2.481 i detenuti morti nelle nostre carceri negli ultimi 15 anni. Di questi 884 per suicidio. E negli ultimi dieci anni oltre 100 agenti che prestavano servizio in carcere si sono tolti la vita”. (Pagina99). Il Natale è davvero buono?

Read More

Se nell’arco di 30 anni ogni pianta assorbe una tonnellata di anidride carbonica (e quanto ciò sia fondamentale ce ne ricordiamo solo in questi giorni di grande smog), quale può essere il valore (anche … economico) delle foreste e delle abetaie che vestono le nostre montagne? E quanto tempo dovrà passare ancora perché politica e istituzioni si accorgano di quanto prezioso, per tutti, è il ruolo della montagna e di quanto elevato è, per tutti, il contributo fornito dai pochi che, oggi considerati marginali, vivono in montagna? Non dovrebbe, uno Stato con la nostra Costituzione, riconoscere alla montagna forme di…

Read More

“Berlusconi ci disse di sostenere il governo Monti perché conveniva alle sue aziende … Berlusconi pensava solo ai suoi interessi”. Lo ammette (ora, approdato alla corte di Renzi) colui che di Silvio fu adulatore e servo sciocco: il mitico compagno Bondi. Ripeto: a me non fa meraviglia nulla; né che solo ora Bondi dica la verità, né il silenzio di tanti amici renziani. Il tutto, però, mi conferma che senza rivolta etica – e senza Politica vera – il peggio non avrà mai fine.

Read More

Sarebbe significativo, specie in giorni così delicati per l’ecosistema, se nel suo discorso di fine anno il presidente Sergio Mattarella, con la sua autorevolezza che gli deriva dall’essere una persona seria, pronunziasse qualche parola sull’importanza delle aree montane e sulla necessità di politiche adeguate a non farle morire. Un migliaio, dalla Montagna Pistoiese, i cittadini che mesi fa gli indirizzarono un piccolo appello.

Read More